Olio fritto: diventa un biocarburante e prende il volo

Dell’olio non si butta via niente. Quasi come con il maiale! Dal prossimo settembre, oltre 200 volidella compagnia olandese Klm in volo da Parigi adAmsterdam, saranno alimentati a biokeroseneottenuto dal riciclo dell’olio da cucina esausto per uso alimentare.

A rifornire gli aerei saranno hotelristoranti efabbriche che hanno inviato i propri oli di fritturausati negli Usa per la raffinazione.

Klm non è l’unica compagnia aerea ad avere un nuovo orientamento verso i carburanti alternativi. Anche Enac – Ente Nazionale per l’Aviazione Civileha manifestato il proprio interesse per i biocombstili, siglando un protocollo d’intesa con la Spagna.

Fonte: gogreen.virglio.it

  • Share