Quando la musica diventa architettura: gli edifici sono colonne sonore

JHTesti e sonorità degli artisti più famosi del panorama musicale trasformati in opere d’arte. Si chiama ‘Archimusic’ l’ultima serie dell’illustratore italiano Federico Babina che, in 27 poster, disegna edifici fantasiosi, ispirati a brani famosi di David Bowie, Amy Winehouse, Elvis Presley, Mozart e altri. L’idea nasce dalla voglia di unire forme e ritmi attraverso un processo figurativo: immaginare linee verticali e orizzontali suggerite dall’ascolto di colonne sonore. Così condomini, container, fabbriche riprendono le forme di uno strumento, o le sagome dei componenti di un gruppo o, ancora, la dolcezza di una sonorità. Tutti i disegni poggiano su un pentagramma, che è metafora delle fondamenta della struttura, su cui si basa un’architettura musicale

Nella foto Jimi Hendrix – “Hey Joe”

Fonte: Repubblica

  • Share