Archivio della categoria ‘CONCORSI’

2010 Seed Awards: Unep premia le ecoimprese

Un nuovo dispositivo solare che trasforma il calore dei rifiuti in energia elettrica nelle zone rurali della Cina, il progetto di bicicletta di bambù ideato in Ghana, o la piccola azienda a conduzione femminile che in Sudafrica distribuisce una sorta di lavanderia portatile che permette di risparmiare acqua.
L’UNEP, l’agenzia per l’ambiente dell’ Onu, ha annunciato i 30 vincitori del 2010 SEED Awards, premio per le imprese che aiutano le economie locali a lottare contro la povertà, promuovendo l’uso sostenibile delle risorse e degli ecosistemi.
I vincitori del premio – spiega Achim Steiner, direttore esecutivo dell’UNEP – esemplificano il forte spirito imprenditoriale nel mondo in via di sviluppo e la sua importanza nella creazione di un’economia verde. Tra i premiati, che riceveranno aiuti per sviluppare i loro progetti e le loro attività, i produttori di mattonelle da biomassa (soprattutto foglie) e di bio-pesticidi in Burkina Faso, o il ‘Il Ghana Bamboo moto Initiative’, impresa no-profit che produce bici di bambù per i villaggi poveri del paese africano. O la società keniota che raccoglie e lavora canne di papiro per farne cesti, borse, tappeti, sedie, materassi e coperte, e che riutilizza i rifiuti della lavorazione come concime naturale.

Fonte: LaStampa

Share

Premio di Architettura di Europa 2011: verso il rinascimento urbano

La “Fondation Philippe Rotthier pour l’Architecture di Bruxelles” ha lanciato il Premio di Architettura di Europa 2011 allo scopo di premiare i migliori lavori di ristrutturazione effettuati negli ultimi 5 anni
Il concorso intende premiare i progetti che fanno parte di un processo di rinascimento urbano, che evidenziano il patrimonio preesistente, ma che hanno migliorato la qualità della vita nei quartieri delle città. Nel corso del XX°secolo, la politica urbanistica ha spesso prevalso con una metodica che prevedeva l’abbattimento dei vecchi edifici indipendentemente dal valore che questi avevano avuto negli anni precedenti e non considerando neanche il significato che a quegli edifici la popolazione attribuiva. Con questo premio si intende premiare coloro che contravvenendo a questa politica hanno invece scelto di salvare vecchi edifici, riqualificandoli sia nell’architettura che nella funzione. Per questo il premio si rivolge alla ristrutturazione degli edifici esistenti, che a seguito della stessa hanno cambiato uso. Fabbriche, laboratori, mercati coperti, magazzini, caserme e vari edifici pubblici e privati, laici e religiosi, abbandonati che sono stati restituiti alla vita e sono apprezzati tanto più per essere parte della memoria collettiva e della storia di una città o di un quartiere di cui costituiscono spesso elementi strutturanti. 
Il montepremi complessivo è di 30mila euro, messi a disposizione della giuria dal fondatore del premio, l’architetto Philippe Rotthier. Le domande devono essere inviate alla Fondation pour l’Architecture prima del 30 aprile 2011. I premiati e i loro progetti saranno pubblicati in un catalogo ed esposte nel mese di ottobre 2011 presso il Museo di Architettura di Bruxelles. La mostra sarà inaugurata il 15 ottobre 2011, durante la cerimonia di premiazione e alla presenza dei premiati e di molte personalità europee. Una versione itinerante della mostra può essere eventualmente messa a disposizione su richiesta.

Fonte: Archiportale

Share

In the wood: in gara idee per la realizzazione di prodotti dal design creativo

Il comune di S.Agata Militello, in provincia di Messina, ha bandito un concorso dal titolo “Nel bosco-in the wood” per la valorizzazione di contesti architettonici, urbanistici e paesaggistici, connessi alle attività artistiche contemporanee e alla produzione artistica e artigianale che opera nel campo dell’arte e dell’architettura contemporanea. 
Il concorso è finalizzato all’acquisizione di idee progettuali per la realizzazione di prodotti di design creativo, con la tematica comune del bosco, da inserire all’interno degli spazi pubblici rifunzionalizzati da adibire a laboratori sperimentali e creativi delle diverse forme di arte contemporanea. 
Il concorso si inserisce nella proposta progettuale denominata “Nel Bosco/in the Wood” che mira a rafforzare l’offerta culturale rifunzionalizzando strutture pubbliche inutilizzate da destinare alla frequentazione di diverse sensibilità artistiche in grado di rileggere e riproporre in chiave nuova i contesti e l’offerta culturale volgendola sui temi della contemporaneità. L’adeguamento e l’allestimento degli spazi pubblici sarà effettuato tramite interventi di architettura contemporanea che partendo proprio dal bosco contribuiranno alla reinterpretazione di detti luoghi. 
Si invita pertanto i concorrenti ad ideare oggetti di design, quali complementi ed accessori di arredo degli spazi pubblici sia interni che esterni a scelta tra i seguenti oggetti:
– tavoli da laboratorio;
– sedie da laboratorio;
– tavoli per conferenze;
– sedie per conferenze;
– rivestimenti e dispositivi fonoassorbenti e isolanti;
– teche e bacheche espositive per workshop;
– rivestimenti murali atti ad ospitare l’affissione di tavole espositive;
– pavimentazioni in pietra per interni ed esterni;
– dispositivi illuminotecnici per interni ed esterni;
– sedute collettive per interni ed esterni;
– cestini per la raccolta dei rifiuti;
– info – point;
– box office;
– segnaletica per la fruizione dei contesti architettonici, urbanistici e paesaggistici.
 
Tutti gli oggetti sopraelencati dovranno avere come tema progettuale il bosco dei Nebrodi e soprattutto l’utilizzo nella loro ideazione e costruzione di materiali provenienti dal bosco. La consegna degli elaborati progettuali dovrà avvenire entro il prossimo 18 Ottobre 2010.

Fonte: Archiportale

Share

Concorso “Le 5 stagioni”: per progettare i locali pizzeria del futuro

Aperte le iscrizioni per il concorso organizzato da Agugiaro & Figna Molini SpA, in collaborazione con POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano, per progettare il futuro dei locali pizzeria. 
Il concorso di design Le 5 Stagioni è un’iniziativa aperta a designer, architetti, studi di progettazione, progettisti di aziende contract, gruppi di progettisti, italiani e stranieri, chiamati a confrontarsi sul tema della progettazione di locali e spazi rivolti alla preparazione e al consumo di pizza. 
Il concorso costituisce una sfida per trovare nuove soluzioni creative, che sappiano esprimere la qualità dell’ambiente, del prodotto e del servizio. Spazi pensati non solo per la vendita o il consumo del prodotto ma anche per la comunicazione, l’interazione con il cliente, l’aggregazione. L’attuale trasformazione di questi spazi di ristorazione e retail, legata all’evoluzione dei linguaggi estetici, dei materiali, delle tecnologie e delle materie prime, in rapporto ai nuovi stili di vita e di consumo, indica opportunità di futuri sviluppi per questi settori di mercato e rende molto attuale l’istituzione di un momento di visibilità e valorizzazione delle punte più avanzate di ricerca e innovazione.  
Il concorso vuole essere l’occasione per avviare un dialogo tra progettisti, imprenditori di locali e aziende che producono materie prime, materiali e tecnologie per i locali pizzeria, e per sostenere l’innovatività e la creatività per il settore. Il concorso è distinto in due sezioni:
 
1) “Opening”, riservato a progetti di locali e spazi con produzione di pizza, con consumo all’interno o asporto, effettivamente realizzati e inaugurati all’interno del territorio italiano nell’arco di tempo compreso tra il 1° febbraio 2010 e il 15 settembre 2011.
 
2) “Concept”, aperto a proposte progettuali e concept di locali pizzeria e spazi con produzione di pizza, con consumo all’interno o asporto, non realizzati, elaborati per potenziali committenti all’interno di studi di architettura o nell’ambito di corsi di specializzazione post-universitaria, sempre per il mercato italiano, nell’arco di tempo compreso tra il 1° febbraio 2010 e il 15 settembre 2011.
 
Tutti gli elaborati dovranno pervenire tassativamente, pena esclusione dal concorso, entro il giorno 15 settembre 2011. Il montepremi complessivo in denaro è pari 13mila e 500 euro ripartito tra le due Sezioni del concorso.

Fonte: Archiportale

Share

Concorso “Fabbricare le cose” al Venice Design Week 2010

In occasione della Venice Design Week 2010, organizzata a Venezia da vogliadarte.it in programma dall’8 al 17 ottobre prossimi, in concomitanza con la Biennale di Architettura, viene bandito un concorso dal titolo Fabbricare cose.  
Aperto a designers, architetti e creativi di tutte le età, l’iniziativa è patrocinata dal Comune di Venezia e dall’Assessorato alla Cultura, è sostenuta da docenti di scuole di design, accademie e università europee. 
Il concorso vuole stimolare i partecipanti per la creazione di un set di oggetti (minimo tre) utilizzabili nel quotidiano che rispondano nell’ordine ai seguenti requisiti: 
· dimostrare di essere stati pensati utilizzando, all’interno del set di oggetti, tecniche produttive legate all’arte, all’artigianato e all’industria (il set deve essere composto da un minimo di 3 oggetti);
· possedere una forte connotazione simbolica e favorire un rapporto attivo-creativo con l’utente finale. 
È possibile lavorare su qualsiasi set di strumenti o oggetti di uso quotidiano, nel rispetto di quanto delineato nel paragrafo finalità. L’edizione 2010 del premio internazionale della Design Week è un’importante occasione di crescita e di confronto che la Venice Design Week desidera portare all’attenzione di studenti e professionisti. È possibile partecipare al premio internazionale della Design Week sia individualmente che come membri di un gruppo: in entrambi i casi tutti i partecipanti saranno tenuti a consegnare la propria scheda di iscrizione e nel caso di raggruppamenti a nominare un capogruppo. Scopo del concorso è il desiderio di selezionare e premiare set di oggetti (minimo tre oggetti) che utilizzino simultaneamente i sistemi tecnici riferibili all’arte, all’artigianato e all’industria. 
La consegna degli elaborati dovrà avvenire entro il 24 Settembre prossimo.  
Ai vincitori saranno distribuiti i seguenti premi:
– primo premio 3mila euro;
– secondo premio 800 euro;
– terzo premio viaggio a Berlino.

Fonte: Archiportale

Share

Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente

Il mondo delle imprese che guarda all’innovazione e alla green economy, si ritrova anche quest’anno all’edizione 2010 del Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente, dal titolo Green Life, dai territori la costruzione dell’economia del futuro.
Dopo il successo dello scorso anno, il premio apre i battenti con la pubblicazione del bando di iscrizione. Il Premio è rivolto alle imprese, alle amministrazioni pubbliche, ma anche ai centri di ricerca, ai liberi professionisti e alle associazioni di cittadini che producono beni o erogano servizi. Quest’anno riflettori puntati sulle eco-innovazioni di prodotto, di processo e di sistema che partano dalla ricerca di modelli di sviluppo in grado di preservare il capitale naturale, dalla cura e valorizzazione dei territori italiani, nel rispetto della legalità e con il coinvolgimento e la collaborazione di tutti gli interlocutori. Questa decima edizione del Premio all’Innovazione amica dell’ambiente, di cui siamo promotori, si conferma nuovamente uno dei più importanti eventi dedicati alla tema della tutela, del rispetto e della valorizzazione ambientale. – ha detto Roberto Formigoni, Presidente della Regione Lombardia -. Regione Lombardia da sempre sostiene le imprese che hanno dimostrato di saper coniugare innovazione e pratiche eco-sostenibili, facendo di questa sinergia non solo una combinazione vincente in termini di imprenditorialità, ma anche l’occasione per dar vita a una sana ed eccellente attività di ricerca. Le istituzioni infatti, a partire da quella regionale, rappresentano un essenziale snodo di governance tra comportamenti e ricadute degli effetti su scala locale e problemi e strategie su quella globale. Con questo Premio, allora, rilanciamo un preciso segnale: l’ambiente può essere gestito come un’opportunità, attraverso la quale migliorare la vita di tutti noi. Con la giusta tecnologia, si deve, e si può.
I temi dell’edizione 2010 sono:

  • Ciclo chiuso delle risorse e nuovi
  • “Filiera” delle energie rinnovabili
  • Nutrire il pianeta, energia per la vita
  • Abitare sostenibile

Ideato da Legambiente, il premio ha avuto negli anni il sostegno e la promozione da parte di enti, associazioni e soggetti istituzionali di prestigio, uniti dalla comune volontà di accrescere lo sviluppo e la diffusione di soluzioni innovative che migliorino la qualità della vita nel rispetto dell’ambiente. La partecipazione al Bando è gratuita ed è aperta a imprese, amministrazioni pubbliche, istituti di ricerca, liberi professionisti ed associazioni di cittadini. I vincitori avranno diritto all’uso del logo Innovazione Amica dell’Ambiente, la lampadina dalla foglia verde affiancata al Cigno di Legambiente sulla comunicazione legata all’innovazione premiata, per la durata di un anno. Inoltre da quest’anno, Legambiente in collaborazione e con il supporto di META Group diventa Partner ufficiale del Cleantech Open Competition concorso internazionale aperto alle innovazioni tecnologiche eco-sostenibili. Tra i candidati al Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente, verranno individuate quelle aziende le cui innovazioni, ritenute compatibili con i criteri espressi dal concorso californiano, potranno partecipare all’edizione 2010 del Cleantech Open. La partecipazione al Bando è gratuita. Le domande di partecipazione e le schede tecniche devono essere compilate direttamente qui . Le iscrizioni sono aperte fino al 24 settembre 2010. Fanno eccezione le innovazioni che concorrono al tema Abitare Sostenibile per le quali si accoglieranno le domande di partecipazione fino al 22 ottobre 2010.

Fonte: BioEcoGeo

Share

Philips Marketing Award 2010: un’occasione da non perdere

Stai cercando l’occasione per far brillare le tue idee? Ecco quella giusta per te. Partecipa al Philips Marketing Award 2010!
Philips, azienda che opera in diversi settori dell’ Health and Well-Being vuole migliorare la vita delle persone con soluzioni e prodotti innovativi, semplici da usare secondo la promessa di brand sense and simplicity. Occasione unica, riservata a un numero limitato di partecipanti (singoli o in team composti da un massimo di 3 persone). La tua sfida sarà quella di ideare e proporre il marketing introduction plan di un nuovo prodotto Philips sul mercato italiano. Se superi la fase di pre-screening potrai prendere parte a un’esperienza esclusiva. A fine settembre potrai partecipare al kick-off meeting nella sede italiana di Philips e durante la competizione avrai l’opportunità di intervenire in call conference in cui presenzieranno importanti manager aziendali per porre loro domande, sciogliere dubbi e ricevere consigli. Se risulterai fra i finalisti selezionati presenterai il tuo progetto a una giuria formata dal Management di Philips Italia.
Al vincitore spetterà un premio: uno stage retribuito di 6 mesi, 3 nel Headquarter Philips di Amsterdam e 3 nella sede italiana di Monza. La lingua ufficiale della competizione è l’inglese.  L’iscrizione e il pre-screening terminano il 13 Settembre 2010.
Per le altre scadenze e ogni tipo di informazione sulla partecipazione al concorso consulta il sito: marketingaward2010.philips.it

Share

Tradizione Devozione Ambizione: concorso nazionale per il restauro dell’architettura 2010

Dal mondo delle Pro Loco e del volontariato ecco un premio per il restauro architettonico
TDA: Tradizione, Devozione, Ambizione, giunto alla 2° edizione nazionale e a tutt’oggi esperienza unica nel suo genere in Italia, premia i migliori interventi di restauro inteso come attività di recupero e conservazione del patrimonio, anche in funzione della restituzione dei beni alla comunità.
Il desiderio di riscoperta e fruizione del patrimonio storico, artistico e architettonico presente sul nostro territorio sta diventando un’esigenza che non può e non deve essere sottovalutata. La combinazione di tutela, conservazione e recupero dei beni architettonici in un’ottica di fruizione sostenibile è la premessa per la loro continuità storica e garantisce  un’opportunità per lo sviluppo culturale, sociale ed economico del Paese. Il concorso premia i migliori interventi di recupero di edifici architettonici e beni immobili, sia pubblici che privati, realizzati nel territorio nazionale e nella Repubblica di San Marino e appartenenti alle seguenti 4 categorie:
– Dimore storiche: ville, castelli, palazzi, capitelli, ecc;
– Edifici di culto: chiese, basiliche, conventi, capitelli, ecc;
– Aree “pubbliche”: piazze, monumenti, fontane, ecc;
– Aree per la cultura: gallerie, musei, sedi espositive, ecc.
Per partecipare al concorso a iscrizione gratuita, è necessario presentare la candidatura entro e non oltre il 6 settembre 2010, proponendo un intervento di restauro che sia stato iniziato non prima del 1 gennaio 2005 e sia terminato entro il 30 giugno 2010. Possono candidare opere Associazioni, Consorzi e Comitati Pro Loco, Comuni e Province, Scuole, Università, Associazioni culturali e ricreative, Enti ecclesiastici, nonché architetti, progettisti e proprietari di beni restaurati. L’obiettivo dell’iniziativa è promuovere la cultura della tradizione, della devozione e dell’ambizione, che si esprimono nella trama ricchissima ma poco conosciuta del patrimonio culturale del nostro Paese e che rimangono vive grazie ai soggetti che recuperano e restituiscono i beni alla comunità locale.

Fonte: Archiportale

Share

Genova aspira a diventare una smart city

Genova si candiderà al bando Smart Cities finanziato dall’Unione Europea, un progetto integrato che coinvolge grandi città europee, attraverso una gestione sostenibile di rifiuti e trasporti. La mobilità sostenibile è uno dei cardini su cui gira l’intero progetto. Entro fine 2010 la Commissione Europea predisporrà il bando per investire circa 11 miliardi di euro nei prossimi dieci anni su 30 città del continente capaci di proporre nuovi progetti di sviluppo di trasporti, costruzioni, elettricità e riscaldamento, fondati sulla sostenibilità ambientale. Le adesioni scadranno a fine luglio.  A novembre sarà presentata la candidatura europea di Genova in rappresentanza dell’Italia. Il Comune di Genova sta attualmento lavorando per predisporre una candidatura forte e di qualità, in collaborazione con la Facoltà di Ingegneria, Confindustria, Ance – Assedil Genova, SIIT Distretto tecnologico, Enel, IBM, ABB. Sono stati organizzati workshops di presentazione del progetto rivolti alle istituzioni, alle imprese, alla finanza, alle parti sociali in un’ottica di partecipazione e forte coinvolgimento degli stakeholders. Sono già più di sessanta le adesioni raccolte, che vanno da istituzioni ad imprese di grandi dimensioni, da associazioni a piccole, medie e micro imprese, a istituti di credito e fondazioni, sia genovesi che nazionali.

Fonte: Liquida; IlSostenibile

Share

Concorsi: Sarzana “ri-pensa Via Muccini”

Il Comitato Sarzana che Botta del comune di Sarzana, provincia de La Spezia, ha lanciato un concorso di idee dal titolo Ri-pensiamo Via MucciniIl concorso è finalizzato alla riqualificazione urbanistica dei comparti pubblico e privato compresi tra via Muccini e Piazza Terzi. 
I partecipanti dovranno procedere alla progettazione di livello preliminare, masterplan, dell’area di piazza Terzi che comprende il vecchio mercato e gli spazi pubblici, nonchè la  progettazione di livello preliminare, masterplan del luoghi lungo i fronti di Via Muccini. L’edificio del vecchio mercato non potrà essere demolito, ma ristrutturato, trasformato internamente e riutilizzato e per quanto possibile, si richiede di sgravare o comunque attenuare il traffico veicolare verso piazza Terzi e su via Muccini. Il partecipante dovrà pensare a un sistema di spazi verdi dove sia possibile la piantumazione di alberi ad alto fusto. I nuovi edifici dovranno essere vicini agli spazi verdi, non più alti di 5 piani e dotati di parcheggio interrato pertinenziale. Alcune funzioni, commercio, servizi pubblici, dovranno essere ospitate alla base degli edifici per cui è utile prevedere un percorso coperto per i pedoni. 
Al concorso possono partecipare Architetti, Ingegneri, studenti delle facoltà di Ingegneria e Architettura, in gruppo o singolarmente. Le iscrizioni devono essere inviate entro il giorno 31 agosto 2010, mentre per la presentazione dei progetti ci sarà tempo fino al prossimo 15 settembre 2010. A fine concorso i progetti saranno esposti durante un convegno pubblico la cui data non è stata ancora stabilita.

Fonte: Archiportale

Share

Concorsi: luce ecosostenibile 2010

SIMES Spa, azienda specializzata nella produzione di apparecchi di illuminazione per esterni, ha lanciato un concorso dal titolo Luce ecosostenibile 2010: ammesse tutte le candidature italiane ed estere che hanno realizzato o progettato in chiave illuminotecnica, un progetto in Italia o all’estero con apparecchi che per almeno il 75% del totale sono ingegnerizzati a LED SIMES. 
Il bando individua tre categorie di premiazione, per ognuna delle quali verrà selezionato un solo progetto vincitore:
1) per lo studio di progettazione che ha realizzato il miglior progetto LED SIMES nell’anno 2010, ove per progetto realizzato si fa riferimento all’avvenuta installazione di apparecchi di illuminazione LED SIMES;  
2) per lo studio di progettazione che ha realizzato il miglior progetto commissionato LED SIMES, ovvero per il miglior progetto illuminotecnico con termini di realizzazione posteriore alla data di chiusura del concorso; 
3) per lo studente e gli studenti iscritti a corsi di Laurea di I° livello (Laurea di base) e di II° livello (Laurea Magistrale) delle Facoltà di Architettura, Design (o Disegno Industriale) e Ingegneria degli Atenei italiani. 
La scadenza per la consegna dei progetti è fissata per il 31 gennaio 2011. L’importo dei premi per le tre categorie sarà finanziato dall’ energia elettrica pulita, prodotta dai pannelli solari installati sugli stabilimenti di produzione SIMES in Franciacorta. La proclamazione dei vincitori e la consegna dei premi si svolgerà in luogo e data che verranno preventivamente comunicati da SIMES attraverso canali di comunicazione dedicati.

Fonte: ArchiPortale

Share

Concorso: Architetture per Ferrara/da Ferrara

 

 

Torna Architetture per Ferrara/da Ferrara il concorso che premia e fa conoscere il talento di giovani progettisti di Ferrara o esterni che hanno svolto lavori sul territorio ferrarese. Il termine per la presentazione dei progetti è il prossimo 30 Settembre 2010. I tre progetti selezionati saranno esposti al Salone Habitat 2010 che si svolgerà i prossimi 23, 24 ottobre 30, 31 ottobre e 1 Novembre 2010 presso la Fiera di Ferrara, all’interno del padiglione bio edilizia come tavole tematiche estensive della mostra itinerante Norwegian Wood promossa da AGAF. Al progetto vincitore sarà offerto un soggiorno gratuito di una settimana per 4 persone in una località a scelta.
Gli elaborati dovranno rispondere a tre parametri fondamentali:  
a. utilizzo di criteri di sostenibilità per la definizione della soluzione e nella scelta di tecnologie, materiali e sistemi costruttivi;  
b. attenzione importante ai criteri di efficienza energetica della soluzione, sia in termini di risparmi energetici conseguiti attraverso soluzioni tecnologiche individuate che in termini di apporti energetici previsti attraverso l’applicazione di sistemi attivi. Dovrà essere documentata la classe energetica raggiunta o attesa dalla soluzione; 
c. il progetto e/o il progettista (team di progettazione) dovranno essere legati al territorio ferrarese o alle province ad esso limitrofe (Ravenna, Bologna, Modena, Mantova, Rovigo). I progetti presentati potranno riguardare nuove costruzioni, ristrutturazioni e restauri, Concorsi e Tesi di laurea. 
Il concorso è aperto a:  
1. Progettisti architetti e ingegneri under 45 appartenenti agli ordini professionali di Ferrara o province limitrofe (Ravenna, Bologna, Modena, Mantova, Rovigo);  
2. Studenti delle facoltà di architettura e ingegneria di Ferrara o province limitrofe (Ravenna, Bologna, Modena, Mantova, Rovigo);  
3. Progettisti architetti o ingegneri under 45 o studenti delle facoltà di architettura ed ingegneria non appartenenti agli ordini professionali o non iscritti alle facoltà universitarie delle città indicate ai punti precedenti, ma che presentino un progetto inserito nel territorio ferrarese o in una delle sopracitate province limitrofe.  

Fonte: ArchiPortale

Share

Bergamo: progetto per un nuovo polo per l’infanzia

Il Comune di Brignano Gera d’Adda in provincia di Bergamo, ha lanciato un concorso di idee  per la progettazione di un nuovo polo per l’infanzia. Il concorso di idee è finalizzato all’acquisizione di un’idea progettuale per la possibile realizzazione del nuovo polo per l’infanzia comunale e la consequenziale proposta di sistemazione delle aree, delle attrezzature e della viabilità pubblica circostanti interessate dalla proposta progettuale. L’area individuata per la realizzazione dell’intervento, si connota per la presenza di importanti preesistenze strutturali di interesse pubblico con le quali il nuovo intervento dovrà integrarsi e altresì fungere da elemento di valorizzazione e riqualificazione dell’intero ambito. Fatta salva la legislazione e normativa di riferimento per il dimensionamento degli spazi di una scuola materna, le funzioni richieste dall’Amministrazione comunale che dovranno essere prese in considerazione per la stesura dell’idea progettuale sono le seguenti
– integrazione urbanistica con l’ambito di riferimento e le strutture già esistenti
– utilizzo di materiali e tecnologie innovative ed eco-compatibili rivolte alla sostenibilità, al basso impatto ambientale, al risparmio energetico. 
L’idea progettuale dovrà rispettare quanto previsto dalla vigente normativa per l’eliminazione delle barriere architettoniche. La partecipazione al concorso è aperta agli Architetti e agli Ingegneri iscritti agli Albi dei rispettivi Ordini Professionali o comunque iscritti ai relativi registri professionali nei paesi di appartenenza. L’iscrizione dovrà pervenire entro il 20 luglio 2010, mentre per gli elaborati c’è tempo fino al 30 ottobre. Il concorso si concluderà con la formalizzazione della graduatoria di merito, e con l’attribuzione di tre premi.  
I premi saranno attribuiti nel seguente modo:
– al vincitore sarà attribuito il primo premio di 4mila e 500 euro;
– al secondo classificato sarà attribuito il premio di 3mila euro;
– al terzo classificato sarà attribuito il premio di mille e 500.

Fonte: Archiportale

Share

Marmodesign ’10: stone in stone out

Il Consorzio Marmisti Bresciani ha lanciato un concorso internazionale di design del titolo Marmodesign ’10 Stone in Stone out. Il concorso promuove la creazione di nuove soluzioni per la produzione, ed eventuale commercializzazione di oggetti e complementi d’arredo, per interni ed esterni, in pietra naturale. Le idee devono valorizzare ed esaltare le innate qualità dei materiali lapidei, nel segno di forme che richiamino il design contemporaneo e che partendo dalle proprietà fisiche dei materiali lapidei e dalle possibili metodologie di lavorazione siano in grado di interpretarne nuove valenze. 
La partecipazione al concorso è aperta a: designers, architetti, progettisti, in possesso di almeno uno dei seguenti titoli post-diploma: laurea (triennale o magistrale); diploma di accademia (legalmente riconosciuta), di primo o secondo livello; scuola di design (legalmente riconosciuta), di primo o secondo livello di ogni nazionalità, sia organizzati in gruppo che singoli.
Il termine ultimo per la consegna dei lavori è fissato per il 15 ottobre prossimo. Il Consorzio Marmisti Bresciani premierà i primi tre classificati con un riconoscimento in denaro. I progetti selezionati saranno pubblicati in un catalogo che documenterà lo svolgimento del concorso e potranno essere esposti in occasione della premiazione ed in manifestazioni fieristiche di settore.

Fonte: Archiportale

Share

Premio Nazionale di Bioarchitettura. Tema per il 2010: centri storici italiani

Lanciata la seconda edizione del Premio Nazionale di Bioarchitettura dedicata quest’anno ai centri storici. Promosso dall’Istituto Nazionale di Bioarchitettura con il sostegno di LegnoFinestraItalia il premio intende contribuire al recupero e alla tutela qualitativa del patrimonio architettonico dei nostri centri storici, soprattutto in quelle realtà territoriali dove le dimensioni contenute implicano maggior impegno economico e culturale da parte delle amministrazioni e dei cittadini. L’intervento dovrà testimoniare la presenza di tale dialogo, volto a valorizzare ciò che il contesto già comprende, anche attraverso l’interpretazione bioclimatica degli spazi urbani condivisi. La partecipazione è aperta a istituzioni pubbliche e progettisti, distinti in due diverse categorie, che abbiano realizzato, a partire dal 1990 interventi di recupero su centri storici di comuni italiani fino a 20.000 abitanti, ovvero in realtà territoriali dove le contenute dimensioni urbane implicano un maggiore impegno economico e culturale da parte delle amministrazioni locali e dei loro cittadini. Il premio è suddiviso in tre sezioni di valori geografico territoriali: centri storici nord Italia, centri storici centro Italia e centri storici del sud Italia e isole. Il plico contenente la documentazione di partecipazione al premio dovrà pervenire entro il prossimo 30 luglio 2010. La giuria assegnerà il Premio al migliore progetto pervenuto nelle tre sezioni di partecipazione. La giuria, inoltre, potrà esprimere anche “menzioni” di merito sui progetti partecipanti.
 
Il premio consiste:
nell’assegnazione di una targa di riconoscimento istituzionale;
nella pubblicazione ufficiale del progetto in forma estesa, con il commento di studiosi ed esperti di architettura sostenibile.

Fonte: Archiportale

Share

Il Brasile investe nelle fonti rinnovabili

Il Brasile ha annunciato un nuovo bando per progetti da fonti rinnovabili, per un totale di 14.000 MW, di cui 10.000 da parchi eolici, 3000 da biomasse e circa 1000 di piccoli progetti idroelettrici. Il bando comprende due tipi diversi di appalti: quelli relativi a “energia ordinaria”, e quelli per “energia di riserva”. Nei bandi ordinari i diretti acquirenti sono le società di distribuzione, che si impegnano a realizzare gli impianti e a completare l’allacciamento alla rete entro 3 anni. I bandi per la “riserva” rientrano invece in un piano avviato nel 2008 e gestito dall’Agenzia per la Commercializzazione dell’Energia Elettrica (CCEE) con l’obiettivo di aumentare la sicurezza energetica del Paese, aggiungendo al Sistema interconnesso nazionale una quota di energia aggiuntiva prevista appunto come “riserva”. Il bando sarà lanciato ufficialmente il 19 agosto 2010. Sarà la prima volta che vengono accorpati i due tipi di bandi: secondo le industrie brasiliane è una conseguenza della grande quantità di progetti presentati. Il Brasile ricava la maggior parte della sua elettricità da fonti rinnovabili, e soprattutto dall’idroelettrico, che ha una capacità installata di 83.000 MW su un totale di 112.000 MW. Anche per le alte fonti rinnovabili il nuovo piano nazionale di sviluppo energetico del 2010 prevede un aumento medio annuo del 13% fino al 2019.

Fonte: LaStampa

Share

Rinnovabili: bando per realizzare impianti in 4 regioni del Sud

La Direzione Generale per l’energia nucleare, le energie rinnovabili ed efficienza energetica del Dipartimento per l’energia del Ministero dello Sviluppo Economico ha emanato un avviso pubblico per il finanziamento di progetti per la realizzazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili su edifici di proprietà delle Amministrazioni dello Stato, Regioni, Provincie, Comuni e Comunità montane in Campania, Calabria, Puglia e Sicilia. Le risorse finanziarie a sostegno dei progetti selezionati, erogate mediante contributi fino al 100% del costo ammissibile, ammontano complessivamente a 30 milioni di euro. Tale iniziativa, mediante il sostegno alla produzione e all’utilizzo dell’energia da fonti rinnovabili, intende favorire la diffusione di una nuova cultura energetica tra la popolazione e promuovere lo sviluppo del tessuto imprenditoriale locale. Le Amministrazioni interessate alla selezione potranno presentare istanza di partecipazione entro le ore 12:00 del 30 giugno 2010 secondo le modalità previste nell’avviso stesso. La documentazione è reperibile sul sito del Ministero.

Fonte: Edilportale

Share

Parco Citylife: al via il concorso di progettazione

Il comune di Milano ha dato il via al concorso di progettazione CityLife. L’amministrazione ha pubblicato un avviso pubblico per la ricerca di 5 progettisti, che saranno invitati da CityLife a partecipare al Concorso Internazionale di progettazione privato Parco nuovo quartiere ex polo fieristico urbano.  
CityLife provvederà a invitare al concorso un totale di otto candidati, di cui cinque selezionati dal Comune di Milano e i restanti direttamente selezionati da CityLife. L’Avviso è rivolto a Architetti, Paesaggisti e Ingegneri iscritti nei rispettivi Ordini professionali o registri professionali dei paesi di appartenenza, e per questo autorizzati all’esercizio della professione.  La documentazione richiesta dovrà pervenire, a pena di esclusione, entro e non oltre il prossimo 30 giugno 2010, mentre la consegna degli elaborati di concorso dovrà essere effettuata entro il 15 ottobre 2010. I progettisti saranno invitati a produrre un progetto di livello preliminare secondo le modalità fissate nella Lettera d’Invito. In esito alla valutazione del progetto, verrà individuato il progettista vincitore del concorso, il quale dovrà provvedere al completamento della Progettazione Preliminare e della successiva Progettazione Definitiva del Parco che avrà una superficie complessiva di 168mila mq e un costo indicativo di circa 16,3 milioni di Euro. La progettazione definitiva del Parco dovrà avvenire entro il 31 dicembre prossimo. Il corrispettivo per l’incarico della progettazione definitiva, che verrà corrisposto al vincitore del concorso, sarà pari a 350mila euro oltre IVA e contributi come per legge.

Fonte: Archiportale

Share