Articoli relativi a ‘Conto Energia’

Storia e mappa del fotovoltaico in Italia

In Italia la pagina dell’incentivazione per il fotovoltaico viene aperta con un Decreto datato 28 luglio 2005. I risultati sono stati immediati: aziende e cittadini privati hanno iniziato a guardare verso questa nuova tecnologia tanto che le domande ricevuto sono state di molto superiori alle aspettative e, soprattutto, alla potenza massima incentivabile. Con un Decreto del 19 febbraio 2007, approvato dalla Conferenza Unifica e siglato dal Ministro dello Sviluppo Economico e dal Ministro dell’Ambiente, sono state introdotte nuove disposizioni, riviste e aggiornate rispetto ai vecchi decreti; si è semplificato il meccanismo dell’incentivazione, sia riducendo gli aspetti di carattere burocratico sia abbattendo il tetto massimo di potenza installabile. Sono state così definite le regole che hanno consentito l’avvio del nuovo “Conto Energia”; anche nel nostro Paese quindi vengono a crearsi condizioni più favorevoli per lo sviluppo del mercato fotovoltaico.

L’ultima puntata della storia del fotovoltaico in Italia è recentissima e porta la data del 24 agosto 2010: il Conto Energia 2011/2013; è stato infatti pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministro dello Sviluppo Economico che regolerà le tariffe incentivanti da riconoscere alla produzione di energia elettrica ottenuta da impianti fotovoltaici che entreranno in servizio nel triennio 2011-2013. Il Conto Energia 2007/2010 sarà in vigore fino a fine 2010 e – ai sensi della legge 129/2010 recentemente approvata – si applicherà, alle condizioni indicate dalla legge, anche agli impianti realizzati entro la fine dell’anno che entreranno in servizio entro il 30 giugno 2011. Sul sito del Gestore Servizi Energetici (GSE) è possibile scaricare un documento nel quale sono riportate le principali novità.

Ricordiamo che Il Gestore dei Servizi Energetici- GSE S.p.a ha un ruolo centrale nella promozione, nell’incentivazione e nello sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia. Azionista unico del GSE è il Ministero dell’Economia e delle Finanze che esercita i diritti dell’azionista con il Ministero dello Sviluppo Economico. GSE mette anche a disposizione un sistema informativo geografico chiamato Atlasole che informa, in tempo reale, sulla situazione della penisola in merito agli impianti fotovoltaici installati.

Nella fotografia potete vedere la situazione aggiornata al 13 Settembre 2010.

Ad oggi quindi gli oltre 96.000 impianti installati sul territorio permettono di produrre potenza per circa 1550MW. Le regioni nelle quali il fotovoltaico si è più sviluppato sono Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Le uniche regioni al Sud che producono un sufficiente quantitativo di energia sono Sardegna e Puglia. Il quantitativo più basso è invece registrato dalla Valle d’Aosta. Tramite la mappa di Atlasole è possibile anche “cliccare” sulle varie regioni per restringere il campo fino ad individuare le singole province e i singoli comuni.

Autore: Roberto Conti

Share

Out amianto – In fotovoltaico

Out amianto – In fotovoltaico è il programma sperimentale di Casa S.p.A. per la sostituzione delle coperture in amianto con impianti fotovoltaici dei fabbricati di edilizia residenziale pubblica. La società Casa S.p.A. è responsabile della gestione del patrimonio edilizio pubblico dell’area fiorentina. Finora, grazie a Out amianto – In fotovoltaico sono già stati sostituiti quasi 9mila metri quadrati di coperture, garantendo così una produzione annua di circa 900mila kWh. Il prossimo intervento riguarderà 3.400 metri quadrati di coperture in amianto che saranno sostituiti con 2.250 metri quadrati di pannelli fotovoltaici in alcuni edifici di edilizia residenziale pubblica di via Canova che produrranno rispettivamente 173.672 e 157.298 kwh/annui di energia elettrica. Il progetto ha già ricevuto il via libera della giunta. Il costo complessivo dell’intervento è di 1.420.000 ed è interamente a carico della società Casa Spa, grazie all’accensione di un mutuo con Banca Etica.  I costi saranno recuperati attraverso gli incentivi del Conto Energia e con la vendita dell’energia elettrica prodotta. Ulteriori informazioni sul progetto: CasaS.p.A.

Fonte: BlogEcologia
Share

Fotovoltaico: Conto Energia 2011. Previsioni per il mercato con i nuovi incentivi

Anno nuovo, incentivi nuovi per il fotovoltaico. Da Gennaio 2011 sono in vigore, infatti, le nuove tariffe incentivanti previste dal Conto Energia 2011, meno vantaggiose rispetto a quelle del Conto Energia 2010 ma, tuttavia, ancora assai favorevoli. Infatti, dopo un 2010 positivo sul fronte del fotovoltaico, ci si attende un 2011 altrettanto promettente.
Il 2010 si è chiuso con la corsa per terminare gli impianti entro fine anno e presentare al Gse la documentazione necessaria, in modo da potersi assicurare, per i prossimi venti anni, le tariffe più favorevoli (circa il 15-20% rispetto a quelle del 2011) del Conto Energia 2010. Ed in certi settori del mondo produttivo legato al fotovoltaico, in effetti, è ancora viva la delusione per il mancato differimento dei termini (ci si attendeva, con il Decreto Milleproroghe, lo spostamento alla fine di gennaio 2011) almeno per presentere la asseverazione di fine lavori da parte di un tecnico abilitato. Invece la proroga non c’è stata e chi aveva in corso la installazione di un impianto fotovoltaico ha dovuto terminare i lavori entro il 31 dicembre 2010 e, entro la stessa data, presentare anche la documentazione necessaria, a corredo della domanda per avere accesso al Conto Energia, asseverazione compresa.
Complice anche la corsa agli incentivi del 2010, dunque, l’ultimo trimestre dall’anno appena concluso hanno fatto registrare un incremento significativo della potenza installata: 975 MW, circa il doppio rispetto ai 487 MW del trimestre precedente. Le cifre sono contenute nell’ultimo rapporto redatto da iSuppli, che ha raccolto i dati basandosi su interviste fatte agli operatori del settore. Rispetto al 2009, addirittura, si avrebbe una maggiorazione del 239% rispetto ai 288 MW dello stesso periodo. I dati, se confermati, andrebbero oltre le già rosee previsioni fatte dal Gse, con una capacità fotovoltaica installata, nel 2010, pari a 1,9 GW, quando, prima di Natale, il Gse aveva stimato un incremento di oltre il 100% rispetto ai 720 GW installati nel 2009. Ma non è tutto: iSuppli prevede un altro raddoppio del mercato nel 2011, con una nuova capacità installata intorno ai 3,9 GW. Attendiamo un calo all’inizio del primo trimestre del 2011, ma si tratterà solo di poche settimane dopo di che il tasso delle nuove installazioni tornerà a salire – spiega Henning Witch, senior director di iSuppli. La riduzione degli incentivi, dunque, non dovrebbe penalizzare l’indice di ritorno degli investimenti nel fotovoltaico, che in Italia resterà uno dei più elevati al mondo, con installazioni destinate addirittura a crescere, nel 2011, di un GW a trimestre. Anche i dati rilevati dal GSE registrano una crescita di rilievo, sia pure minori rispetto a quelle evidenziate da iSuppli. Tra primo e secondo Conto Energia, al GSE sono pervenute domande di ammissione agli incentivi per oltre 120.000 impianti in esercizio, per una potenza complessiva di circa 2.100 MW ha spiegato il gestore a fine dicembre: considerando le comunicazioni trasmesse dagli operatori e relative agli impianti entrati in esercizio tra novembre e dicembre, la potenza fotovoltaica cumulativa in esercizio in Italia a fine anno potrebbe sfiorare i 3 GW, con una nuova potenza nel solo anno 2010 superiore a 1.500 MW. Una crescita che, tornando alle considerazioni di iSuppli, potrebbe paradossalmente indurre il Governo a rivedere le stesse regole sugli incentivi del fotovoltaico o, ad esempio, indurre le regioni a limitare ulteriormente le zone destinate ad ospitare grandi impianti fotovoltaici a terra, per la felicità di alcune associazioni di imprenditori agricoli che, non da adesso, gridano al pericolo di speculazioni e si oppongono ai grandi impianti a terra che sarebbero colpevoli di sottrarre spazio alla agricoltura, specie quella di qualità. Rimane ancora da chiarire, poi, la situazione riguardo al recepimento delle Linee Guida per la installazione di impianti destinati a produrre energia elettrica facendo ricorso alle fonti rinnovabili. Ad oggi, infatti, sono poche le Regioni italiane che hanno legiferato in materia, quando il recepimento delle Linee Guida sarebbe dovuto avvenire entro il 1° Gennaio 2011. Ma, fino ad ora, sono solo sette le Regioni “virtuose”: Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Molise, Puglia e Basilicata e, peraltro, non tutte hanno concluso definitivamente l’iter legislativo di approvazione. Se, dunque, le nuove regole dovrebbero snellire il percorso per la realizzazione di nuovi impianti, è probabile che siano definiti anche nuovi vincoli per la salvaguardia del paesaggio e per il rispetto delle zone agricole. In alcune Regioni del sud Italia, poi, c’ è il concreto timore che ci possano essere dei problemi nell’allaccio alla rete elettrica. Speriamo, dunque, che nel corso del 2011 l’ Italia, grazie anche ad una maggiore chiarezza normativa, possa raggiungere gli obiettivi fissati in sede europea, nonostante da uno studio pubblicato dall’ EWEA (European Wind Energy Association) emerga che il nostro Paese nel 2020 produrrà solo il 16,1% dei consumi da fonti rinnovabili, e non sarà nelle condizioni di raggiungere la quota del 17% definita dall’Unione Europea. Ci sarà da rimboccarsi le maniche.

Fonte: GreenMe

Share

Gse: dal 1° dicembre più semplice chiedere incentivi per il fotovoltaico

Richiedere al Gestore dei Servizi Energetici gli incentivi per il fotovoltaico sarà più semplice, rapido ed economico. Per semplificare l’accesso al Conto energia fotovoltaico infatti dal 1 dicembre prossimo il Gse avvia la nuova procedura telematica che permette a tutti i titolari di impianti fotovoltaici di ottenere gli incentivi con un semplice click.
Non sarà quindi più necessario inviare tramite posta o corriere le domande per richiedere gli incentivi: l’accesso alle tariffe avverrà infatti esclusivamente attraverso il portale web www.gse.it e tutti i documenti necessari saranno inviati al GSE esclusivamente mediante formato elettronico. Il solo utilizzo di procedure informatiche consentirà di ridurre sensibilmente il tempo necessario per l’ammissione al Conto Energia e aumenterà l’efficienza del servizio. La crescita esponenziale, in Italia, di impianti fotovoltaici e di soggetti pubblici e privati che richiedono i relativi incentivi al GSE – a oggi risultano in esercizio in Italia circa 115mila impianti per oltre 1.700 MW di potenza installata – ha suggerito l’adozione di un sistema gestionale che consenta di offrire un servizio ancora più efficiente ed economicamente vantaggioso sia per gli utenti che per le Pubbliche Amministrazioni. Per meglio utilizzare la procedura, infine, il GSE ha reso disponibile agli utenti una guida online.

Fonte: LaStampa

Share