Articoli relativi a ‘fa’ la cosa giusta’

Il 29 giugno a Milano: l’aperitivo è verde!

La città è più verde della campagna: titolo del primo appuntamento del secondo ciclo degli Aperitivi della Green Economy organizzati da e-gazette, Fà la cosa giusta! e Legambiente e in programma per martedì 29 giugno, dalle 19, all’Atm Bar dei Bastioni di Porta Volta, 15, a Milano (MM2, fermata Moscova). Gli aperitivi green sono ormai un punto fisso nel panorama milanese della comunicazione, dedicati soprattutto a professionisti, manager e giornalisti attenti al nuovo business verde. Ma anche a studenti o semplici curiosi della materia.  Sulla terrazza dell’Atm Bar, tra orto e pannelli fotovoltaici, si discuterà se vivere in città è meglio che vivere in campagna. Come? Con la presentazione dei libri Green metropolis di David Owen, edito in Italia da Egea, e Green life – Guida alla vita nelle città di domani di Andrea Poggio e Maria Berrini, pubblicato da Edizioni Ambiente. Ne discuteranno Guido Martinotti, professore ordinario di Sociologia urbana all’Università degli Studi di Milano-Bicocca, e Maria Berrini, di Ambiente Italia. Modererà l’incontro Lorenza Gallotti, direttore di e-gazette. Su ApeGreen puoi trovare tutte le informazioni sugli aperitivi della green economy e per chi si iscrive subito all’apegreen del 29 giugno sono riservati drink e buffet libero!

Fonte: EdilPortale

Share

Equo-à-porter

L’appuntamento è per sabato 13 marzo, alle ore 18.30 in occasione della settima edizione di Fa’ la cosa giusta!, fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, la presentazione della nuova collezione primavera/estate 2010 di Altromercato si presenta al pubblico milanese con un’inedita fashion-performance artistica. La fiera mette in mostra progetti, idee, soluzioni per consumare e produrre secondo principi di sostenibilità economica, ambientale e sociale.

Non è una semplice sfilata, ma una fashion-performance artistica che racconta la moda equa e solidale: abiti e accessori saranno indossati da attrici e volontarie accompagnate da musica, letture, immagini e filmati, per dare voce a una moda più etica e sostenibile. A seguire aperitivo equo e bio offerto ai partecipanti. Fonte: Architettura&Design

 

Share