Articoli relativi a ‘sicurezza’

Nucleare: Ue, fumata nera su stress test, nessun accordo

Discussione continuerà il 19 e 20 Maggio a Praga

Nessun accordo sui criteri e le modalita’ degli stress test per i 143 impianti nucleari europei: gli esperti delle 27 autorita’ nazionali responsabili della sicurezza nucleare, riuniti a Bruxelles, ”hanno fatto progressi, ma non hanno raggiunto – ha riferito la Commissione Ue – nessuna decisione finale”. Il commissario Ue all’energia Gunter Oettinger ha deciso di riconvocare una nuova riunione del gruppo Ensreg il 19 e il 20 maggio a Praga.

La discussione tra i 27 stati membri – precisa la Commissione Ue – ”proseguira’ anche a livello tecnico”.

L’allungamento dei tempi non preoccupa piu’ di tanto Oettinger: ”il contenuto e’ piu’ importante della tabella di
marcia. L’opinione pubblica si aspetta stress test credibili per coprire una vasta gamma di rischi e di questioni di sicurezza. Ed e’ su questo che stiamo lavorando”, ha dichiarato il commissario tedesco, determinato a non mettere la sua firma sotto test di resistenza che non siano adeguati alle problematiche sollevate dal disastro nucleare giapponese.
In particolare, Oettinger ritiene che le 143 centrali nucleari europee debbano essere messe alla prova anche per far
fronte a rischi di attacchi terroristici, incluso l’eventualita’ di aerei kamikaze, sull’esempio dell’attacco alle Torri gemelle
dell’11 settembre 2001 a New York.

Oltre al rischio terrorista, il commissario chiede che i test di resistenza tengano conto anche dei rischi del fattore umano, delle catastrofi naturali e dell’eventualita’ di incidenti. Ma la determinazione del commissario si scontra con le
resistenze di molti paesi. La Francia, che ospita ben 55 centrali nucleari sul proprio territorio, e’ contraria in
particolare ad includere nei test gli attacchi aerei e terroristici.  I rischi dovuti ad attacchi terroristici e alla
possibile caduta (anche accidentale) di aerei su un reattore sono gia’ stati tenuti in conto da Bruxelles, a partire dall’11
settembre 2001, in tutti i casi di approvazione e finanziamento per nuove centrali nucleari.
Il loro inserimento negli standard comuni terrebbe quindi conto di una prassi gia’ seguita, ma si scontra con problemi
relativi alla sicurezza nazionale di ciascun stato membro.  Il vertice Ue del marzo scorso, che ha lanciato gli stress
test, non ha fissato una scadenza precisa per la loro attuazione. L’ambizione pero’ e’ di riuscire a raggiungere
l’accordo tra i 27 al Consiglio dei ministri dell’Energia, il 10 giugno prossimo a Lussemburgo.

 

Fonte: Ansa


 

Share

Scuole: 3 milioni per interventi sugli edifici

Con il Decreto del 20 dicembre 2010, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il Ministero dell’Economia ha assegnato 3 milioni e 378.000 euro per interventi sugli edifici scolastici e per la messa in sicurezza delle scuole e delle relative strutture sportive.
I contributi – destinati a 64 scuole pubbliche e private – vanno da un minimo di 20mila euro ad un massimo di 200 mila euro e saranno utilizzati per interventi di ristrutturazione, manutenzione straordinaria, adeguamento e messa in sicurezza degli edifici. La somma è il residuo di un finanziamento che parte da lontano.
La Finanziaria 2005 ha stanziato 201.500.000 euro per il 2005, 176.500.000 euro per il 2006 e 170.500.000 euro per il 2007 per interventi di tutela dell’ambiente e dei beni culturali.
La Finanziaria 2006 ha rimodulato le somme in ragione di 130.000.000 di euro per il 2006, 120.000.000 per il 2007 e 96.050.000 per il 2008. Parte di questi fondi non è però stata utilizzata (non sono stati spesi 2.248.000 euro nel 2006 e 17.615.000 euro nel 2007, per un totale di 19.863.000 euro) ed è stata quindi dirottata sull’edilizia scolastica.
Spettava poi alle competenti Commissioni di Camera e Senato fissare le priorità secondo cui assegnare le risorse: le Commissioni della Camera hanno individuati gli interventi e gli Enti beneficiari dei contributi, per un importo complessivo di 12.539.000 euro, mentre quelle del Senato, che avrebbero dovuto assegnare i restanti 7.324.000 euro, non hanno ancora completato il lavoro. Con un DM del 29 aprile 2009, il Ministro dell’Economia ha assegnato i 12.539.000 euro (leggi tutto) ma, poiché non tutti gli Enti beneficiari hanno utilizzato le risorse, sono rimasti 3.378.000 euro, che sono stati riassegnati con il decreto del 20 dicembre 2010.

Fonte: EdilPortale

Share

Restructura 2010: Eco-sostenibilità, efficienza energetica e sicurezza

Dal 25 al 28 novembre 2010 al Lingotto Fiere di Torino si terrà la XXIII edizione di RESTRUCTURA salone dedicato alla costruzione e ristrutturazione edilizia. L’appuntamento annuale,  rivolto al pubblico di operatori e privati, proporrà  l’aggiornamento sui nuovi materiali, i sistemi costruttivi, le attrezzature e i servizi.

Una vetrina su tutta la filiera dell’edilizia e delle costruzioni, dai progettisti ai produttori, quest’anno con un repertorio espositivo esteso anche alle decorazioni artistiche, all’arredo urbano e al verde pubblico e un programma di iniziative di approfondimento dedicate a chi sceglie di costruire ed abitare consapevolmente.

Il tema dell’eco-sostenibilità sarà considerato in tutti i suoi aspetti: il pubblico avrà l’opportunità di analizzare i progetti, confrontare i materiali e le tecniche costruttive e visitare le opere realizzate. Aziende, progettisti, costruttori porteranno le più interessanti novità per incontrare le esigenze di ogni visitatore.

www.restructura.com

Molti sono gli appuntamenti previsti dal 25 al 28 novembre, ne segnaliamo uno di particolare interesse.

Certificazione energetica: un opportunità per i progettisti

Il convegno si terrà Venerdì 26 novembre dalle ore 10.00 alle ore 14.00 all’interno della Sala Gialla.

Durante l’incontro, in cui il moderatore sarà l’Arch. Umberto Andolfato, verranno affrontate le seguenti tematiche:

∙ Cos’è una casa passiva”

∙ CASAUNICA Standard Passivo Zero Energy

∙ Green Building Council Italia

∙ Applicazione della Certificazione CasaClima

∙ La certificazione Protocollo ITACA

∙ Il metodo di certificazione SB100 dell’ANAB

Share