Articoli relativi a ‘Venice Design Week 2010’

Concorso “Fabbricare le cose” al Venice Design Week 2010

In occasione della Venice Design Week 2010, organizzata a Venezia da vogliadarte.it in programma dall’8 al 17 ottobre prossimi, in concomitanza con la Biennale di Architettura, viene bandito un concorso dal titolo Fabbricare cose.  
Aperto a designers, architetti e creativi di tutte le età, l’iniziativa è patrocinata dal Comune di Venezia e dall’Assessorato alla Cultura, è sostenuta da docenti di scuole di design, accademie e università europee. 
Il concorso vuole stimolare i partecipanti per la creazione di un set di oggetti (minimo tre) utilizzabili nel quotidiano che rispondano nell’ordine ai seguenti requisiti: 
· dimostrare di essere stati pensati utilizzando, all’interno del set di oggetti, tecniche produttive legate all’arte, all’artigianato e all’industria (il set deve essere composto da un minimo di 3 oggetti);
· possedere una forte connotazione simbolica e favorire un rapporto attivo-creativo con l’utente finale. 
È possibile lavorare su qualsiasi set di strumenti o oggetti di uso quotidiano, nel rispetto di quanto delineato nel paragrafo finalità. L’edizione 2010 del premio internazionale della Design Week è un’importante occasione di crescita e di confronto che la Venice Design Week desidera portare all’attenzione di studenti e professionisti. È possibile partecipare al premio internazionale della Design Week sia individualmente che come membri di un gruppo: in entrambi i casi tutti i partecipanti saranno tenuti a consegnare la propria scheda di iscrizione e nel caso di raggruppamenti a nominare un capogruppo. Scopo del concorso è il desiderio di selezionare e premiare set di oggetti (minimo tre oggetti) che utilizzino simultaneamente i sistemi tecnici riferibili all’arte, all’artigianato e all’industria. 
La consegna degli elaborati dovrà avvenire entro il 24 Settembre prossimo.  
Ai vincitori saranno distribuiti i seguenti premi:
– primo premio 3mila euro;
– secondo premio 800 euro;
– terzo premio viaggio a Berlino.

Fonte: Archiportale

Share