Ambiente e Territorio
Presentazione

Se è pur vero che da tempo si riflette e ci si interroga sul de-grado del paesaggio e dell’ambiente, è altrettanto vero che po-che sono state le proposizioni correttive e le azioni riparatrici del danno ambientale.
L’incontro di Rimini (15 giugno 2002), del quale sono qui raccolti gli “atti”, ha segnato un evento apprezzabile, sia per il numero dei partecipanti che per la qualificata pluridisciplinata dei partecipanti.
La cura e la riparazione del danno ambientale (paesaggistico o territoriale) è attività professionale che attiene a discipline con-tigue (geomorfologia, scienze agrarie, conservazione e restauro dei beni architettonici e ambientali, ingegneria del territorio, monitoraggio), ma tutte da implementare e far convergere, ap-punto, nel “restauro dei beni ambientali e del territorio”. Ciò corrisponde non solo all’opportunità di una nuova disciplina che copra un’area complessa capace di riassumere uno dei pro-blemi complessi di governance, ma si prospetta anche di e-strema utilità per gli enti locali e la pubblica amministrazione, impossibilitati a coordinare questo intreccio di problemi che esige riferimenti, informazioni reciproche, continue e tempestive. Il “restauro dell’ambiente e del territorio” riconduce ad unum tale complessità, implementandone i problemi e prospet-tandosi come soggetto unico e interlocutore privilegiato.
Questo volumetto di “atti”, fra qualche anno, è assai probabile, sarà riguardato con interesse: perché segnerà un evento da cui si è sviluppata la politica del restauro del territorio: dell’unica strada, cioè, capace di tentare l’ultima conciliazione possibile del “landscape”, di quel meraviglioso paesaggio che l’uomo ha costruito in tanti secoli e avviato ad irreversibile distruzione negli ultimi decenni.

Francesco Gurrieri