Lecablocco Bioclima Zero

Dalla Scandinavia, dove di inverni se ne intendono, arriva la soluzione per costruire murature con il massimo isolamento termico.
Lecablocco Bioclima Zero interpreta questa tecnologia per realizzare le mura di casa tua.
Costruire con Bioclima Zero significa avere un grande comfort abitativo e risparmiare energia per il riscaldamento.
Un risparmio di costi e di emissioni nell’aria per vivere meglio rispettando l’ambiente.

Fino a trasmittanza U=0,19 W/m2K
.

Il Decreto Legislativo 311/06. I nuovi valori d’isolamento termico.

.

Il Decreto Legislativo n°192 del 19 agosto 2005 “Attuazione della Direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico in edilizia” e il D.Lgs n° 311 del 29 dicembre 2006 “Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 19 agosto 2005 n.192, recante attuazione della Direttiva 2002/91/CE, relativa al rendimento energetico in edilizia” hanno applicato anche nel settore edile i principi di contenimento dei consumi energetici conseguenti all’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto. I requisiti di legge, espressi in termini di indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale EPi e di trasmittanza termica U degli elementi edilizi disperdenti (pareti opache, serramenti, vetri, coperture e pavimenti), sono riferiti alle zone climatiche in cui il territorio italiano è suddiviso ai sensi del DPR 412/93.

.
Lecablocco Bioclima Zero è la famiglia di blocchi multistrato in argilla espansa Leca a norma con i limiti del Decreto Legislativo 311/06 in vigore dal 1/01/2010.

.

CAMPI DI APPLICAZIONE

La famiglia Bioclima Zero è composta da blocchi particolari studiati per:
• murature portanti (ordinarie o armate) anche in zona sismica; i blocchi idonei a questo utilizzo sono denominati “Portanti”;
• murature  di  tamponamento di strutture intelaiate; i blocchi idonei sono denominati “Tamponamento”.

.

CARATTERISTICHE E VANTAGGI

Monoparete
I Lecablocchi Bioclima Zero sono blocchi multistrato prodotti solidarizzando industrialmente:
• un blocco interno in calcestruzzo di argilla espansa Leca;
• un pannello isolante in polistirene ad alta densità con grafite;
• un blocco esterno in calcestruzzo Leca a protezione del pannello isolante.
Bioclima Zero permette di realizzare un manufatto unico per pareti a posa singola.

.

Isolamento termico
Il Decreto Legislativo 311 del 29 dicembre 2006 ha modificato il Decreto 192/05 introducendo nuovi e più severi valori di trasmittanza termica U.
I Lecablocchi Bioclima Zero sono progettati per andare oltre i limiti di legge, migliorando la classe energetica dell’edificio.

.

Inerzia termica
L’inerzia termica rappresenta la capacità dell’edificio di ritardare nel tempo (sfasamento S) e di ridurre l’entità (attenuazione fa) dell’onda termica incidente. L’isolamento termico abbinato alla elevata massa superficiale conferisce alle murature realizzate con i Lecablocchi Bioclima Zero eccezionali prestazioni di  inerzia  termica, tali da rientrare nelle Classi di Qualità Prestazionale più elevate.

.

Protezione del pannello isolante
Il pannello in polistirene ad alta densità con grafite è sempre protetto da un blocco in argilla espansa che conferisce alla parete solidità, robustezza e durabilità nel tempo.

.

Isolamento acustico
I Lecablocchi Bioclima Zero permettono di rispettare i limiti di isolamento acustico di facciata imposti dal DPCM 5/12/1997 “Requisiti acustici passivi degli edifici”.
I Bioclima Zero hanno infatti prestazioni di isolamento acustico superiori rispetto alle soluzioni tradizionali.

.

Emissioni di radioattività
Per i materiali da costruzioni si può misurare un indice I di radioattività.
Materiali con I!1 sono considerati dannosi per la salute. Materiali, quali i Lecablocchi, aventi I 0,5 sono considerati eccellenti e possono essere utilizzati senza restrizioni all’interno dell’edificio.

 

Lecablocco Bioclima Zero è un prodotto Lecablocco

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • del.icio.us
  • Digg
  • RSS