Preservare il paesaggio antropico e le testimonianze della cultura materiale
Articolo pubblicato su “Preservare il paesaggio antropico e le testimonianze della cultura materiale”in AA.VV. Per il restauro del territorio e del paesaggio antropico dei Monti della Calvana. L’architettura in pietra di San Leonardo in Collina” (a cura di G. A. Centauro), Collana Editoriale “Opus studiorum/ 4”, Lalli Editore, Poggibonsi 2010. pp. 7-14.

Una questione di metodo per il restauro del territorio.
Tra gli argomenti fondanti la Convenzione Europea sul Paesaggio1 è senza dubbio posto in primo piano l’interesse istituzionale degli Stati membri verso la salvaguardia e la valorizzazione delle risorse ambientali, soprattutto al fine di arginare la massiccia trasformazione dei territori e garantire la qualità della vita delle popolazioni nel rispetto dell’ambiente. A differenza del passato quindi, i provvedimenti di tutela da porre in essere, desiderosi di pervenire ad uno sviluppo sostenibile fondato su un rapporto equilibrato tra i bisogni sociali, l’attività economica e l’ambiente2, dovranno indicare in modo prioritario le azioni di conservazione e di mantenimento degli aspetti significativi o caratteristici di un paesaggio, giustificate dal suo valore di patrimonio derivante dalla sua configurazione naturale e/o dal tipo d’intervento umano3. Date queste premesse risulta evidente ai fini della tutela la rilevanza ambientale del combinato effetto tra la risorsa naturale e l’azione dell’uomo, rivalutando così la matrice antropica del paesaggio, specie se relazionata alla secolare tradizione agro-pastorale delle comunità insediate. Pertanto con questa Convenzione si mette al centro dell’attenzione dei ricercatori e degli studiosi il riconoscimento stesso dei valori propri delle testimonianze della cultura materiale che andranno segnalate distintamente nell’ambito degli insediamenti umani caratterizzanti i luoghi. E ciò vale specialmente in ambiti di pregio paesaggistico, come quelli della Toscana e delle sue Aree Protette.


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • del.icio.us
  • Digg
  • RSS