L’Enea sviluppa il potenziale dell’energia del mare

31 Gennaio 2013

 

Sfruttare e sviluppare il potenziale dell’energia del mare per rispondere alle sfide poste dalla necessità di disporre di energie pulite e rinnovabili. Sara’ questo uno dei temi al centro del workshop sulle “Prospettive di sviluppo dell’energia dal mare per la produzione elettrica in Italia, promosso e organizzato dall’Enea nell’ambito dell’accordo di Programma sulla Ricerca di Sistema Elettrico in vigore con il ministero dello Sviluppo Economico.

Giovanni Lelli, commissario dell’Enea, introducendo la prima giornata dei lavori, ha evidenziato “l’impegno dell’Enea nella ricerca sulle energie rinnovabili e sul clima, di cui fa parte anche lo studio e la valutazione del potenziale energetico delle correnti marine, per rispondere alle sfide tecnologiche poste dalla sempre piu’ impellente necessita’ di disporre di energie pulite e rinnovabili”.

 

Secondo le stime Iea (International Energy Agency), il potenziale teorico di energia dal mare e’ compreso tra i 20.000 e i 90.000 TWh/anno. Regno Unito, Portogallo, Norvegia, Stati Uniti, Giappone e Canada investono significativamente in questo settore tecnologico gia’ dagli anni ’70. L’esperienza italiana, sottolinea l’Enea, “e’ sicuramente piu’ recente ma non meno importante”.

Fonte: AffariItaliani

error: Contenuto protetto