Una “PassiveHaus” – “Casa Passiva” in Inghilterra

10 Aprile 2012

Questa bella casa vittoriana nella zona ovest di Londra sembra ingannevolmente semplice, tranne per una piccola targa sulla porta anteriore dalla quale si capisce che questa è una delle prime case in Gran Bretagna che raggiunge gli standard diPassivHaus (casa passiva). Il che non è un’impresa facile.

L’anno scorso Lloyd ha delineato la sfida di apportare elevati standard ambientali come PassivHaus a questa casa patrimonio.

Tom Pakenham, creatore e proprietario di Green Tomato (un mini-cab impresa verde) ha ristrutturato questa casa con gli standard di PassivHaus. Voleva dimostrare che “le case a basso consumo energetico non solo sono molto più confortevoli spazi di vita rispetto ai vecchi catorci in cui viviamo ora, ma non devono apparire anche come un bunker nucleare”.

I lavori di conversione sono finiti ora dopo un anno, e come si può vedere, è una bella casa, luminosa e ariosa. I lavori non si incentrano solo sull’arredo ecologico, anche se sono state usate vernici eco e c’è un meraviglioso bancone della cucina fatta di bottiglie di vetro riciclato e vecchi mobili. La ristrutturazione si è concentrata più sul minimizzare il consumo energetico – l’accento si è posto sulla struttura fisica dell’edificio.

L’essenza del PassivHaus è l’isolamento.
Lo standard Passivhaus è difficile da raggiungere, richiede un sacco di isolamento, l’infiltrazione d’aria deve essere veramente basso. Le vecchie case spesso soddisfano quest’ultimo requisito, ma hanno una forte dispersione di calore.

L’isolamento della casa deve essere molto alto ed ermetico per mantenere il caldo. Il livello maggiore diPassivHaus è 15kwh/m2/per anno e questo edificio raggiunge il 13. L’isolamento si desume anche dal fatto che nella casa non vi era alcun segnale di telefonia mobile, perché ben fatto.

Il tetto è stato tolto e spogliato e messo nuovo gesso. Poiché l’isolamento esterno non è consentito l’intero accumulo doveva essere dall’interno. Si deve creare una sorta di tenuta intorno alla parte interna della casa. Ogni dettaglio deve essere esaminato. La tenuta dell’aria è essenziale così si è dovuto fare un controllo continuo per catturarla. Questo significava fare una cernieratura dei piani che ora siedono su travi in acciaio.

Nel piano seminterrato c’è uno scambiatore di calore formato da un motore che fornisce costante aria fresca.
E ‘ difficile da capire per un profano, ma non c’è caldaia o impianto di riscaldamento. Questo è il motivo per cui l’elevato livello di isolamento è fondamentale. A parte i guadagni di calore passivo, il calore viene fornito solo attraverso il sistema di ventilazione sostenuta da scambiatore di calore.

Sorprendentemente, il settanta per cento dell’acqua calda è derivata dai pannelli solari sul tetto, il resto sarà fornito dalla pompa di calore che è anche fonte di aria nel sistema di ventilazione.

Il tubo a destra, con la gabbia dei canarini in cima fà da apporto di aria fresca e quella di sinistra è un tubo di espulsione.

Al tempo stesso l’umidità doveva essere in grado di uscire, altrimenti gli ambienti sarebbero stati troppo umidi all’interno. Ci deve essere l’estrazione continua di aria umida da “stanze umide”, come la cucina e il bagno. Un estrattore in cantina è la chiave per l’intera operazione. Ci sono punti di estrazione nei soffitti del bagno e la cucina che prendono aria umida e puzzolente e la buttano verso l’esterno.

Il tetto sopra la cucina, sarà un tetto verde e fiorente in futuro. Questa foto mostra le prime settimane ed entro l’estate sarà (si spera) un prato di fiori selvatici. Anche in questa fase sta attirando molto interesse per l’avifauna locale.

I pannelli solari termici sono stati installati sul tetto, dovevano essere piatti e integrati in modo da non essere visti dai vicini. Ce ne sono 3 in totale, 2 integrati nelle liste sul versante anteriore del tetto e uno montato su un telaio sul tetto piano. La licenza edilizia è stata concessa sulla base del fatto che i pannelli hanno appaiono discreti.
Le finestre sono tutte in triplo vetro. Anche se c’era diffidenza all’inizio, in realtà sembrano funzionare perfettamente bene. E ’stato difficile trovare  finestre con 3 strati e alla fine sono state progettate e costruite interamente da zero. Si aprono in due modi diversi, verso l’esterno e verso l’alto. Lo scopo è quello di catturare il calore in modo che si stia  bene in inverno, ma potrebbe essere un problema in estate, se esposto a sud.

La ristrutturazione è quasi finita e la famiglia ha permesso di visitare la casa in modo che altri possano avere l’entusiasmo di intraprendere un lavoro simile. Non è una ristrutturazione a buon mercato, il 20% del denaro speso per i lavori è stato utilizzato per gli elementi di efficienza energetica e rinnovabile.
Questo si tradurrà in risparmio energetico diretto che aggiungerà valore della casa.

articolo tratto da: treehugger.com

 

error: Contenuto protetto