Ecopelle con bucce d’arancia e pareti che respirano, premiate sei eccellenze italiane

17 Dicembre 2021

Sei categorie, sei prodotti che investono nell’ecoinnovazione, partendo dall’ecodesign di pareti verdi ed ecopelle fino ad arrivare alla micromobilità.

L’ecoinnovazione amica dell’ambiente premiata da Legambiente

(Rinnovabili.it) – Pareti che respirano, sensori per percepiscono il benessere degli animali negli allevamenti, ecopelle con bucce d’arance e cactus, mobilità sostenibile ed ecoinnovazione.

Sono alcune delle eccellenze italiane vincitrici del Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente 2021, promosso da Legambiente con il patrocinio di Commissione europea, Ministero della Transizione Ecologica e Comune di Milano.

sei vincitori delle rispettive categorie sono stati selezionati da oltre cento candidati appartenenti a start-up, spinn off universitari e aziendali e, per la prima volta piccole e medie imprese.

Quest’anno abbiamo voluto incentivare anche le realtà che più faticano a inserirsi e affermarsi nel mercato, evidenziando e promuovendo le buone pratiche che nella sostenibilità ambientale vedono un principio imprescindibile per fare impresa competitiva”, ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani.

I vincitori del 2021

ecoinnovazione
Ecopelle Ohoskin srl – credits legambienteinnovazione.org

Premio Agricoltura e Filiere Agro-alimentari

Il vincitore della categoria è Regrowth s.r.l.s. (Teramo) con L.E.A.F. (Live Environmental Animal Feedback). Un sistema modulare che rileva il benessere degli animali negli allevamenti estensivi. L’ecoinnovazione sfrutta un tag elettronico e all’uso di sensori permette di creare un profilo digitale individuale e giornaliero, adattando le esigenze a seconda dei bisogni.

Premio Mobilità sostenibile

Primo classificato è Esco srl (Palermo), un servizio a basso impatto ambientale per gli spostamenti cittadini che riduce tempi, costi ed emissioni, combinando le diverse tipologie di trasporto compresa la micromolilità.

Premio Digital Green

Aura system srl (Milano), con il progetto di “Foresta modulare” si aggiudica il primo posto sul podio. Vere e proprie pareti verdi che “respirano” capaci di rimuovere un ampio range di inquinanti pericolosi per la salute e presenti negli ambienti chiusi.

Leggi anche Architettura biofilica: l’ufficio del futuro firmato Kengo Kuma

Premio Economia Circolare

E’ Ohoskin srl (Catania) con l’omonimo prodotto il vincitore, con un’ecopelle ricavata dai sottoprodotti di arance e cactus scartati dall’industria cosmetica.

Premio Ecodesign

Primo classificato per la categoria è Tipì di Arletti Riccardo (Carpi, MO), con la creazione di Tipì (Ri-connettiti con la natura), una struttura ricettiva mobile mix tra tenda e rifugio di montagna, realizzata in legno e tessuto riciclato.

Premio Transizione Energetica

Il vincitore è Zero3 srl (Faenza, RA) con il progetto Gas Stabilizer, un macchinario nato dall’esigenza di recuperare il biogas prodotto dai rifiuti in discarica. Una soluzione che permette di ridurre i quantitativi di GHG e gli odori sgradevoli, senza sprecare una preziosa fonte rinnovabile.


Credit: https://www.rinnovabili.it/economia-circolare/ecodesign/ecoinnovazione-ecopelle-bucce-arancia-pareti-respirano/

error: Contenuto protetto